Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione.
Sono utilizzati soltanto cookie di servizio e analisi che non raccolgono vostre informazioni personali.
Vi invitiamo ad accettarli
.
 

 

 



 
 
 

CHI SIAMO

INCARICHI SOCIALI

info@restiamoumani.it


 

 

Eurathlon e NATO

 

Torna a Piombino la Grand Challenge internazionale della robotica

http://www.letrusco.it/torna-a-piombino-la-grand-challenge-internazionale-della-robotica/

 

 

Droni militari, la minaccia volante
http://www.controlacrisi.org/notizia/Politica/2017/4/20/49271-droni-militari-la-minaccia-volante/

 

 

 

Droni militari, la minaccia volante

La stampa li chiama ‘killer robot’. Sono i droni militari. Per ora usati a scopo civile, ma presto potrebbero essere impiegati anche nel militare. Il tutto in segreto e nonostante la contrarietà dell’opinione pubblica.
http://sbilanciamoci.info/droni-militari-la-minaccia-volante/

 

Le mine atomiche del futuro, riprende la corsa al riarmo

 

Missili alianti e droni sottomarini: i nuovi arsenali di Stati Uniti,, Cina e Russia. Washington dice di reagire all’aggressività di Pechino e a Mosca che viola gli accordi


 

Il Comitato Verità su Eurathlon e NATO organizza per sabato 5 settembre alle 17.30 nella sala di Palazzo Appiani, in piazza Bovio, un incontro pubblico con Maurizio Gubbiotti di Legambiente, i portavoce di Emergency e di Stato d'Emergenza. Era stato invitato pure il deputato piombinese Andrea Manciullinella sua veste di Presidente della delegazione italiana in seno all'Assemblea parlamentare della Nato: Manciulli ha però declinato l'invito.

 
Il Comitato ringrazia per i generosi contributi, che hanno reso possibile l'iniziativa del 5, sia i privati cittadini; sia le realtà organizzate che hanno fatto altrettanto: fino a questo momento, sono pervenuti contributi da Lavoro Salute Dignità, Legambiente, Restiamo Umani, Rifondazione comunista di Follonica, Sinistra per Castagneto.

 
Scopo dell'iniziativa è demistificare l'ipocrisia che circonda Eurathlon, evento in calendario in città e a Tor del sale a metà settembre. Infatti, gli organizzatori e l'Amministrazione comunale hanno fatto di tutto per nascondere il ruolo che in Eurathlon gioca il Cmre, il quale non è altro che il centro di ricerca della NATO con sede alla Spezia, oltre che organizzatore principale di Eurathlon (http://www.cmre.nato.int/ ). E la NATO è una potente e aggressiva alleanza militare, che agisce sotto comando militare, in Afghanistan come in Libia. Di qui la necessità del dubbio, da portare alla superficie delle coscienze, per la pace disarmata nella giustizia fra i popoli.

 
Il Comitato non contesta la ricerca sui robot, ma non si fida del fatto che, dentro Eurathlon, a guidarla ci sia un centro di ricerca militare come il Cmre, sicuramente interessato a impiegare ai propri fini militari il lavoro creativo dei giovani ingegneri, costruttori di droni e robot, che parteciperanno al concorso di idee.Senza dimenticare che l'Istituto Internazionale di Stoccolma per la Ricerca sulla Pace quantifica in circa 72 milioni di euro al giorno la spesa militare sostenuta dall'Italia in quanto paese membro della Nato, a danno della spesa per sanità e servizi sociali pubblici.

 
Altro che “marketing territoriale”, vantato dall'Amministrazione comunale: qui siamo di fronte alla mentalità militare che pervade la società e rende ipocritamente subalterni le istituzioni e i territori disponibili; il Vicesindaco non ha esitato a sostenere pubblicamente che “se si ragionasse come il Comitato, dovremmo rifiutarci di utilizzare internet perché di origine militare”. Come se fosse un bene che i finanziamenti e le scoperte maggiori siano militari e usati per le guerre, e invece non fosse infinitamente più ragionevole favorire la ricerca scientifica civile senza aspettare che le scoperte dei militari, comunque rivolte alla guerra, arrivino all'uso di tutti quando risultano superate per i militari stessi.

 
 
Il Comitato Verità su Eurathlon & NATO

 

Verità su Eurathlon e Nato, la necessità del dubbio: “sul significato del ruolo Cmre nel progetto, risposte evasive”.
5 settembre iniziativa pubblica

PISORNO.IT

 

Tracce Audio:

01 Gianardi Mazzinghi Gentiloni

02 Gubbiotti
03 Giuliani
04 Callaioli
05 Francini
06 Chiarei
07 Fabiana (Stato di Emergenza)
08 Bruschi
09 Gubbiotti Gianardi
 

Dall’assemblea su Eurathlon nasce un impegno pacifista | Pisorno

 


 

 

Tracce Audio dell'incontro:

Bosoni3.mp4
Bruschi Busoni.mp4
BusoniConclusioni.mp4
BusoniEmergency.mp4

 

www.stileliberonews.org/se-eurathlon-e-uniniziativa-pacifica-e-benefica/

http://www.pisorno.it/buona-la-partecipazione-allassemblea-pubblica-su-eurathlon-a-piombino/

 

 

Buona la partecipazione all'assemblea pubblica su Eurathlon di venerdì 15 maggio, organizzata da Legambiente e Restiamo Umani, in collaborazione con il Gruppo Emergency Costa Etrusca. Significativo il contributo scientifico di analisi fornito da Paolo Busoni, esperto di sistemi d'arma, che del direttivo nazionale di Emergency fa parte. Una decina gli interventi, non tutti consonanti. Al termine si è costituito il Comitato ad adesione individuale, provvisoriamente denominato Verità su Eurathlon.

E' stato sottolineato, fra l'altro, che lo stesso Sindaco Giuliani sulla stampa, pur con tono pacato e rispettoso, non fa che riproporre le tesi degli organizzatori di Eurathlon. Ma neppure lui risponde alla domanda che pongono le associazioni promotrici: se Eurathlon è un'iniziativa pacifica e benefica, perché mai del consorzio Eurathlon fa parte il CMRE, articolazione spezzina della NATO, che è la più potente e aggressiva alleanza militare al mondo (vedi Afghanistan, Kosovo, Irak, Libia…, dove gli interventi della NATO hanno puntualmente aggravato le situazioni preesistenti)? E' davvero questo il marketing territoriale di cui ha bisogno la Val di Cornia?

Nella sua lettera aperta a Legambiente e Restiamo Umani, l'Università di Bristol, coordinatrice di Eurathlon, conferma puntualmente che "il CMRE, Centre for Maritime Research and Experimentation, centro di ricerche della Science and Technology Organization, l’organizzazione della NATO per la scienza e la tecnologia... è organizzatore dell’evento a Piombino... Il Centro ha anche alle spalle una lunga esperienza nell’organizzazione di gare tra robot costruiti da studenti universitari...". Non sarà per caso che il CMRE, attraverso Eurathlon, invita a giocare ai modellini i giovani studenti universitari per ricavarne soluzioni tecniche innovative (i giovani sono molto creativi!), che poi potrà utilizzare nei propri robot prodotti per scopi militari? Di tutto questo si tornerà a discutere nella prossima riunione del Comitato Verità su Eurathlon il 28 maggio alle 21, presso il centro Giò, a Piombino.

Associazione Restiamo Umani
Legambiente
 

 

 

L'associazione Restiamo umani e Legambiente organizzano un'assemblea pubblica per il 15 maggio alle 21, a Piombino, presso la sala del quartiere, in via dell'Arsenale 4, a pochi passi dal cinema Metropolitan. Parteciperà Paolo Busoni, membro del direttivo nazionale di Emergency, esperto di sistemi d'arma. Verranno analizzati le modalità e il significato delle esercitazioni dei droni della NATO, in programma per settembre a Tor del Sale, nei confronti delle quali le associazioni promotrici esprimono un giudizio nettamente negativo. L'assemblea sarà anche l'occasione per costruire un collegamento fra quanti, singoli e organizzazioni, condividono tale giudizio.

Quelle esercitazioni e le altre iniziative collegate, infatti, si inseriscono a pieno titolo nei programmi dell'Alleanza atlantica, comunque rivolti con ogni evidenza a scopi bellici: v. Afghanistan, Kosovo, Irak, Libia..., dove gli interventi della NATO hanno puntualmente aggravato le situazioni preesistenti, oltre a provocare migliaia di morti, nonché centinaia di migliaia di profughi: questi chiedono asilo anche all'Italia, lasciata praticamente sola da UE e NATO, di fronte alla necessità inderogabile di salvataggi e accoglienza umanamente dignitosa..

Le associazioni riproporranno invece le ragioni del disarmo e della pace nella giustizia, strumenti fondamentali anche per sconfiggere i terroristi del cosiddetto califfato, i quali affondano le radici negli affari internazionali (petrolio e non solo). Fu così pure per Osama bin Laden, facoltoso rampollo di una ricca famiglia ben collegata alla casa reale saudita e alla Casa Bianca di Bush, tolto di mezzo dalle potenze occidentali forse anche per metterlo a tacere, non diversamente dal colonnello Gheddafi e da Saddam Hussein.

30 aprile 2015

Associazione Restiamo umani
 

Legambiente

 

Giochi di guerra.pdf

 


 

webmaster